La coppia in crisi dopo la nascita del primo figlioe

La coppia in crisi dopo la nascita del primo figlio

Condividi con

Per il mondo intero la nascita di un bambino rappresenta qualcosa di “magico”: un inno alla vita che fa risuonare la voglia di eternità. Questa gioia immensa parte innanzitutto da te e dal tuo compagno, sancendo, con la volontà di seguire insieme questa maternità, il passaggio dalla coppia alla famiglia. Purtroppo, con gli onori, ogni tanto arrivano anche gli oneri, e la coppia, di fatto, specialmente nei mesi successivi al parto, traballa.

Ti sarà capitato, infatti, di essere troppo, dolorante e senza ore di riposo così tante volte da non vedere l’ora di andare a riposare, senza considerare i desideri di coccole da parte del tuo lui.

Il primo passo per evitare che la tua coppia vada in crisi è far capire al partner che, in questo momento così speciale, le relazioni sono un po’ diverse, ma non per questo il tuo amore verso di lui viene meno: semplicemente cambia “forma”, almeno per un certo periodo di tempo.

Un buon modo per far sentire ancora il tuo compagno al centro dei tuoi pensieri è quello di ritargliarti piccoli momenti senza il tuo bambino, utilizzando tutte le forme d’aiuto possibili (la nonna, la babysitter oppure nelle ore di riposino pomeridiano). Se non si ha la possibilità di uscire, puoi preparare proprio a casa una cenetta intima, un vestito particolare che a lui potrebbe piacere, o vedere un film da soli, mano nella mano sul divano. Prova a sperimentare, come agli inizi della vostra storia insieme, la potenza di uno sguardo e una carezza. Fare piccole cose insieme e iniziare a pianificare ogni settimana un momento per te e per lui permetterà anche al neo-papà di non sentirsi solo un “genitore” ma uomo e di ritrovare il giusto posto nella vostra vita.

Capita inoltre che ci si possa “scontrare” un po’ di più in questo periodo, per via dello stress legato alla ricerca di questo nuovo equilibrio a tre. Uno dei passi più comuni per evitarlo è quello di “scambiarsi i ruoli”. E’ stato dimostrato, infatti, che le coppie con maggior tenuta sono quelle in cui i ruoli sono intercambiabili. Pur non potendo delegare alcune cose, per esempio l’allattamento, fagli fare da solo alcune cose pratiche oppure fai in modo che dedichi del tempo a giocare e interagire con il bimbo; tu ti sgraverai di una grande fatica, potendoti dedicare a te stessa e/o magari a preparargli una sorpresa. Il tuo lui, d’altro canto, potrà capire meglio le tue fatiche o i tuoi lamenti e riuscirà a consolidare le sue capacità genitoriali, a beneficio del bimbo.

Di Loretta Redaelli